News ed Eventi

[15.06.2018] - Un contributo per le mura da Anc Castelfranco Veneto

Questa mattina, in sala Consiliare, il vicesindaco Gianfranco Giovine ha ricevuto dalle mani dei vertici dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo, sezione di Castelfranco Veneto, un contributo di 2000 euro da destinare al restauro delle mura cittadine.

Il Vicesindaco, all’interno del Governo cittadino, sta coordinando le varie azioni di reperimento fondi per il restauro delle mura calcolate in circa 7 milioni di euro. In questa direzione sono andati gli sforzi per la ricerca di finanziamenti diretti Europei, ma anche all’attivazione dell’Art Bonus ancora disponibile per le aziende che intendono investire nella salvaguardia delle mura. Sforzi che non hanno però ottenuto l’obiettivo sperato.  

Nonostante questo l’Amministrazione comunale, con propri fondi, è intervenuta con 700 mila euro utilizzati per il restauro della torre di Nord-Ovest di prossimo collaudo ed apertura al pubblico. Si è invece aperto in questi giorni il cantiere della torre di Sud-Est finanziato dal Ministero dei Beni Culturali per 500 mila euro. In parallelo, con la collaborazione dell’emittente televisiva Antenna Tre è stata promossa la campagna di raccolta fondi popolare con circa un centinaio di cittadini (anche da fuori Castelfranco) che hanno risposto donando piccole somme. Ad oggi son stati raccolti circa 5 mila euro.

A consegnare l’assegno questa mattina, il presidente dell’ANC Castelfranco, il sottotenente Antonio Mario Ria presente con alcuni soci e con il presidente del gruppo di Protezione civile, Franco De Faveri.

DICHIARAZIONI

VICESINDACO, GIANFRANCO GIOVINE - «A nome mio e dell’intera Città voglio esprimere il più sincero ringraziamento all’ANC per questo gesto straordinario. Un gesto dato da chi vuole bene a Castelfranco. Non mi stanco di ricordare che per raggiungere la somma prevista per il restauro delle mura è sufficiente una donazione anche di piccole somme. Abbiamo calcolato che sono sufficienti anche solo 2 euro per mattone. Lo slogan “addotta un mattone” va in questa direzione. Guai però a parlare di elemosina, ma questi sono atti di alta generosità, aiuti diretti e concreti da persone sensibili per un patrimonio che è di tutti».

PRESIDENTE DELL’ANC CASTELFRANCO, ANTONIO MARIO RIA - «Abbiamo voluto fare questo gesto grazie al contributo dei nostri iscritti e speriamo che questo sia di sprono anche per altre Associazioni e che possa aprire la strada anche ad altri interventi per una Città che merita di risplendere».