News ed Eventi

[31.03.2017] - Castelfranco nella Grande Guerra. Foto, documenti, testimonianze

Presentazione questa mattina in Sala Consiliare della mostra “Castelfranco nella Grande Guerra” rassegna che verrà inaugurata domenica prossima 9 aprile alle ore 11 al Teatro Accademico. All’incontro, con numerosi rappresentanti delle Associazioni combattenti, erano presenti il vicesindaco, Gianfranco Giovine, l’assessore alla cultura Franco Pivotti, il curatore della mostra Angelo Rigo di DISMA-Progetti ed il presidente della locale sezione Alpini, Sergio Brugnera.
«Un progetto che ci vede direttamente coinvolti – ha introdotto il vicesindaco, Giovine – consapevoli dell’importanza che riveste il mantenere vivo il ricordo di quei tragici anni, non solo di chi è stato mandato al fronte ma per l’intera popolazione. Questa mostra è un evento molto sentito dalla Comunità e ringrazio quanti si stanno impegnando per il buon esito».
La Mostra è realizzata dal Comune di Castelfranco Veneto, Assessorato alla Cultura in collaborazione con DISMA-Progetti e Idee per la Cultura, con il Gruppo Alpini di Castelfranco Veneto e con diversi altri soggetti che hanno prestato la loro preziosa collaborazione per il reperimento dei materiali che costituiscono il corpus espositivo, primo fra tutti il collezionista castellano Armando Pisanello. Alla cerimonia di inaugurazione parteciperà il Coro Val Canzoi B. Cocco, diretto dal m.o Luis Lanzarini, che proporrà una selezione di canti della Grande Guerra in gran parte inediti.
Il valore della Mostra è stata poi spiegato dall’assessore Pivotti chiamato recentemente a guidare il referato alla Cultura. Un’importanza anche personale visto il padre, un “Ragazzo del ‘99”, partito per la Guerra sul Grappa nelle ultime fasi del conflitto. «Questa mostra celebrativa permette di comprendere come Castelfranco è stata coinvolta in prima linea nella Grande Guerra. Nel ruolo che rivesto anche di Assessore all’Istruzione, ritengo fondamentale il collegamento con il mondo della scuola. Nelle scuole c’è una forte carenza di competenze e studio nel settore storico, soprattutto negli eventi della Grande Guerra. Questa, come altre manifestazioni, hanno il compito di tenere vivo il ricordo. Abbiamo per questo previsto pacchetti di vista per le scuole e per le famiglie, in modo che si possa studiare la storia dal vivo». L’Assessore ha poi spiegato come l’evento si inserisce nell’Adunata degli Alpini di Treviso e qui è offerta la possibilità d’ingresso gratuito, nei giorni dell’Adunata, a quanti si presenteranno con il cappello d’Alpino. Altre iniziative son previste dalla locale sezione Alpini, il venerdì e sabato.
La Mostra, allestita al Museo Casa Giorgione, rimarrà aperta al pubblico fino a domenica 21 maggio 2017. Ecco come presenta l’iniziativa il dott. Angelo Rigo, curatore dell’esposizione:
“Castelfranco in guerra. Un percorso attraverso i documenti dell’Archivio comunale, le fotografie di un osservatore attento, il dr. Leonardi titolare della Farmacia alla Gatta e le testimonianze dei diari e dei ricordi di cittadini al fronte o rimasti in città. Completano la mostra alcune vetrine tematiche con oggetti della prima guerra mondiale, allestite a cura del Gruppo Alpini di Castelfranco Veneto.
I diversi racconti si snodano in un percorso unitario con documenti storici, immagini fotografiche e testimonianze, descrivendo non soltanto la guerra guerreggiata, ma anche come visse questa drammatica epopea la popolazione rimasta a Castelfranco o andata profuga agli inizi del 1918. Vite toccate e mutate dalla guerra. Vite ferite nel corpo e nell’anima. Vite spezzate nel fiore degli anni. Una città sfigurata, invasa dalle truppe degli eserciti italiano e degli alleati, con gli ospedali da campo installati fin nelle chiese a dare spazio alle centinaia di feriti trasportati dal fronte. Un percorso di emozioni che ci fa rivivere la Grande Guerra come vissuta dai castellani di allora, una cruda realtà che ha sconvolto tutti, giovani e meno giovani al fronte, donne, vecchi e bambini in una città occupata, ferita dai bombardamenti e infine evacuata.”